2008253882785638

venerdì 4 maggio 2018

Bari, Taranto, Massafra, le luminarie della Puglia nelle feste patronali


Con Maggio si apre ufficialmente la lunga stagione delle manifestazioni religiose e la Puglia si veste  di luci e colori.

Una delle caratteristiche e peculiarità delle feste patronali in Puglia sono proprio le luminarie o parate che vengono abilmente montate nelle strade e nelle piazze in cui si svolge la festa e dove passa la processione.

Hanno forma di archi, gallerie, frontoni, rosoni, spalliere e tutti insieme formano un complesso scenografico talmente armonico e colorato che sfido chiunque a non rimanere a bocca aperta e a non restare lì ad ammirarli, se non altro per la maestria con cui sono stati ideati e costruiti.

Sono grandi telai in legno, preferibilmente di abete, che vengono intagliati e sagomati, ai quali si aggiungono volute, archetti, ghirigori, roselline, pendagli fino a farlo apparire come un vero e proprio ricamo.
Vengono poi pitturati con vernice bianca in modo da far risaltare la luce delle migliaia di lampadine colorate che vengono applicate.

È una vera e propria arte che richiede abilità e creatività.


Le straordinarie luminarie di Scorrano (Le)
Le straordinarie luminarie di Scorrano (Le) 

Si presume che, come elemento luminoso, siano nati intorno gli anni trenta. Ciò può essere vero perché in quel periodo si cominciò ad avere il potenziamento della rete elettrica dell'illuminazione pubblica.

Le parate luminose però si utilizzavano già nel XVI secolo durante le feste che venivano organizzate dalle famiglie nobili soprattutto a Roma e a Napoli. Questa usanza si protrasse fino alla fine dell'800,

In seguito, nel periodo in cui ci fu una forte avversione verso il clero, le luminarie conobbero un periodo di declino legato anche alle massicce migrazioni della popolazione all'estero.

Snobbate e sottovalutate per decenni, questa splendida tradizione ha visto una rinascita che è diventata sempre più importante, in particolar modo nel Salento, tanto da affinare le tecniche e trovare sempre nuovi motivi artistici di grande pregio.

Le luminarie ormai appartengono all'identità storico culturale del territorio pugliese, tant'è che la Regione Puglia ne ha fatto un emblema imprescindibile nella promozione turistica inserendole nell'allestimento del proprio stand nelle varie fiere internazionali del turismo, come questo alla BIT di Milano. 




Ho iniziato questo post scrivendo che con Maggio si apre il lungo periodo delle feste patronali.
Immagino ora che tu voglia sapere quali siano le feste più prestigiose di questo mese.

Festa di San Nicola, Patrono di Bari

Anche se San Nicola si festeggia il 6 Dicembre, la grande festa sia religiosa che civile si tiene a maggio.
Questa è davvero una grande evento che richiama visitatori e pellegrini anche dall'estero (voglio ricordare che il Santo è venerato anche in Russia)


luminarie a Bari durante la festa di San Nicola(Ph.GDP)
Le imponenti luminarie fanno da cornice alla festa di San Nicola ( foto tratta da GDP) 

Come ogni anno si rievoca l'arrivo delle spoglie del Santo, che furono portate a Bari via mareil 9 maggio 1087, dai marinai che le avevano trafugate. 
È un momento che culmina poi con un corteo storico particolarmente suggestivo.
Appuntamento per quest'anno il 7-8-9 maggio
Ti consiglio di leggere il programma molto ricco sul sito ufficiale www.corteosannicola.it


Festa di San Cataldo, Patrono di Taranto

Sempre in questo periodo si onora un altro Patrono con festeggiamenti che durano anche qui tre giorni, 8-9 -10 maggio e con due processioni a terra e a mare, molto spettacolare.


La processione di San Cataldo a Taranto (foto tratta da Puglia Turismo)

Al rientro dalla Terra Santa, San Cataldo fece un sogno in cui gli fu indicato il luogo dove sarebbe approdato dopo una tempesta.  Così si ritrovò a Taranto e qui, come gli era stato chiesto, cercò di rievangelizzare i tarantini che nel frattempo avevano perso la fede. 

La missione gli riuscì facile perché con i suoi miracoli li convertì e la cittadinanza lo dichiarò Patrono della Città.
Oggi il suo corpo, ritrovato il 10 maggio del 1071, è sepolto nello splendido Cappellone della Cattedrale del Duomo.


Cappellone del Duomo di San Cataldo
L'interno del Cappellone della Cattedrale di San Cataldo, dove sono conservate le sue spoglie

Festa Madonna della Scala, Patrona di Massafra

Il 5-6-7 maggio sono invece i tre giorni in cui si svolgeranno i festeggiamenti in onore della Madonna della Scala, il cui Santuario è possibile raggiungere e visitare scendendo i 126 scalini  nella gravina omonima.


La Madonna della Scala in processione. Alle spalle la Cassarmonica e le luminarie
La Madonna della Scala in processione, Alle spalle la cassarmonica e le luminarie.  Foto di Claudio Giasi

La particolare cerimonia della Consegna delle Chiavi da parte del Sindaco alla Madonna definisce l'intimo rapporto che la cittadinanza cattolica ha con la Patrona della Città alla quale si affida in cerca protezione.
Anche in questa festa non mancheranno eventi collaterali di grande richiamo come la Fanfara dei Bersaglieri e l'Orchestra Popolare della Notte della Taranta.

E come ogni festa patronale che si rispetti le luminarie faranno da cornice alle tre manifestazioni, illuminando il passaggio e creando un' atmosfera gioiosa e festaiola già da quando cominciano ad essere montate. 
Tutti attendono con ansia e curiosità il momento in cui vengono accese perché ogni anno che passa diventano sempre più elaborate e maestose.

A Scorrano(Le), a Luglio. per la festa patronale di S.Domenica si svolge addirittura una gara delle luminarie di una bellezza incomparabile. 



Io le adoro 💛💜💚

Le luminarie in tutto il Sud sono protagoniste delle feste popolari e religiose. Senza di esse non sarebbe festa. 

Sono invece curiosa di sapere quali sono le tradizioni delle altre regioni italiane.
Aspetto di conoscere quella della tua città.

24 commenti:

  1. Ho avuto modo di vedere wuesqu tipo di luminarie per la prima volta in Sicilia, sono rimasta a bocca aperta. Io abito al nord e di quel genere non ne avevo mai viste. Sono veramente belle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è una tradizione prettamente meridionale. Non credo che al nord si possono trovare le luminarie.

      Elimina
  2. mi hai riportato alla mente tanti ricordi d'infanzia! ma che meraviglia di luci e colori!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei anche tu pugliese? Le luminarie sono molto belle, si!

      Elimina
  3. Ma che belle queste feste popolari! E mai mi sarei aspettata tutte queste luminarie! ho sempre pensato (evidentemente sbagliando) che le luminarie fossero solo associate al periodo natalizio. bello scoprire che ci sono tradizioni differenti! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le più belle luminarie natalizie nascono dai maestri salentini. Pensa che illuminano anche New York.

      Elimina
  4. Me le ricordo alla BIT in effetti! Al mio piccolo paese anche si mette su qualche rosone per le varie feste del paese ma nulla a che vedere con queste di cui parli tu Maria!

    RispondiElimina
  5. Wow non conoscevo questa usanza! Qui al nord non usa tanto, noi di solito facciamo spettacoli con i fuochi d'artificio per le feste patronali! Dev'essere davvero interessante assistere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche da noi alla fine della festa si sparano i fuochi d'artificio.

      Elimina
  6. Non ti nascondo che leggo il tuo articolo e guardo le tue foto con un certo stupore. Qui in Andalusia alle feste patronali si utilizzano le stesse luminarie! Tanto che in alcune foto mi sembrava di essere alle Ferias di Malaga o Siviglia. Quanto è piccolo il mondo se lo osserviamo attentamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui c'è stata la dominazione spagnola quindi ci potrebbe essere stata una contaminazione. Non saprei dirti chi dei due ha influenzato l'altro.

      Elimina
  7. Che meraviglia.. sono stata in Puglia due volte..
    Alla prima festa alla quale partecipammo rimasi estasiata e colpita dalla bellezza di queste vere e proprie opere d'arte!
    Davvero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono vere opere d'arte e i maestri lo fanno con passione

      Elimina
  8. Che meraviglia! Lo sapevi che le fanno identiche identiche a Valencia durante la festa de Las Fallas?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non lo sapevo. Molte delle nostre tradizioni sono simili a quelle spagnole.

      Elimina
  9. Sono stata l'anno scorso a visitare una fabbrica di luminarie che, se non sbaglio, ha illuminato la festa di Santa Domenica a Scorrano: ho scoperto un mondo a me totalmente sconosciuto, fatto di altissimo artigianato, di grandi competenze tecnologiche e di una passione che si sposa con la tradizione e che ne fa una consuetudine davvero commovente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le luminarie di Santa Domenica credo siano le più spettacolari. D'altra parte durante la festa si fa proprio una gara per le luminarie più belle.

      Elimina
  10. Sono un vero spettacolo queste luci intelaiate. Davvero dei professionisti per fare un lavoro così.
    Zucchero Farina in viaggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono professionisti di alto livello e tutta la scenografia va studiata prima di costruirle

      Elimina
  11. Pazzesche, è una fortuna che siano state recuperate come simbolo pugliese! Se tornerò in Puglia per una gita cercherò di farlo in un periodo durante il quale sarà possibile vederle! ^^

    (Giulia M. di giuliamagagnini.com)

    RispondiElimina
  12. Mamma mia! Ma sono delle vere opere d'arte <3 E' una tradizione bellissima e non ne ero proprio a conoscenza. Poi comunque vederle in primavera - e magari non nel periodo natalizio - fa tutto un altro effetto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una tradizione che è in uso in tutte le feste religiose per tutto l'anno.

      Elimina